APPROFONDIMENTI E NEWS

APPROFONDIMENTI E NEWS

Scelte strategiche e tattiche degli asset

Dott. Lorenzo Rindi - Senior Partner
Ideatore del progetto PQL
Articolo

AGGIORNAMENTO OPERATIVO – HDG

10-04-2021

 

Nell’Aggiornamento Tattico di Marzo u.s. (vedi) ipotizzavo che sarebbe potuto “essere opportuno implementare coperture ad aprile/maggio 2021 (hedging su azionario europeo scadenza dicembre-2021/marzo-2022) per una logica di gestione del rischio”. È venuto il momento di sciogliere la riserva.

Tenuto conto delle indicazioni algoritmiche, dell’open-interest sui principali indici azionari e valutato comparativamente il valore atteso delle principali asset class, non ci sono adesso i presupposti che facciano ritenere opportuno implementare delle coperture sull’equity o, almeno, non nei termini di cui sopra. Sarebbe possibile prendere dei benefici acquistando opzioni put o vendendo future nel brevissimo termine (3/6 mesi), ma qua si va nel campo dell’aleatorietà.

 

Riporto il grafico degli ultimi 10 anni del MSCI ACWI (scheda dettagliata in allegato)

 

 

e dell’attuale curva dei rendimenti dei Titoli di Stato Italiani, la quale mostra che, ad esempio, un BTP decennale renderà lo 0,62% a prescindere da quando sia stato acquistato (e non sarà affatto privo di rischio o esente da volatilità, anche marcata).

 

 

 

In estrema sintesi:

  • manterremo un’allocazione neutrale, posizionandoci cioè a benchmark rispetto al profilo definito, senza sovraesporci ma nemmeno sotto-pesando la componente azionaria;
  • a maggior ragione, non è questa una di quelle rare fasi dove le probabilità di uno short sull’equity possa essere favorevole;
  • verrà mantenuto (o attivato) un processo di accumulo, virtuoso in sé e complementare all’allocazione dello stock disponibile.

 

Concludendo, complessivamente resta un contesto favorevole a comprare sulla debolezza più che a vendere sulla forza.

 

 

Lorenzo Rindi – PQL

 

 

Disclaimer

Le opinioni espresse su questo sito sono esclusivamente quelle degli Autori e non sono in alcun modo riconducibili alle organizzazioni e istituzioni citate. Ai sensi della normativa vigente, le informazioni pubblicate non devono essere considerate una “sollecitazione al pubblico risparmio” né una promozione di alcuna forma di investimento né “raccomandazioni personalizzate” , trattandosi unicamente di informazioni standardizzate rivolte ad un pubblico indistinto al fine di offrire un mero supporto informativo e decisionale agli utenti mediante l'elaborazione di un flusso informativo di dati, notizie, ricerche e analisi. Proprio perché le raccomandazioni fornite non possono intendersi personalizzate rispetto alle caratteristiche del singolo utente, potrebbero non essere adeguate rispetto alle conoscenze ed esperienze, alla situazione finanziaria e agli obiettivi di investimento e orizzonte temporale del singolo utente, elementi che infatti non sono stati presi in considerazione e valutati.

 

Scarica gli allegati: