APPROFONDIMENTI E NEWS

APPROFONDIMENTI E NEWS

Scelte strategiche e tattiche degli asset

Dott. Lorenzo Rindi - Senior Partner
Ideatore del progetto PQL
Articolo

FLASH – 24 Febbraio 2022

24-02-2022


Stiamo monitorando - come di consueto - l’andamento dei mercati. Ad oggi, in media i mercati azionari hanno corretto dai massimi toccati a fine 2021 nell’ordine di 14 punti percentuali. Non si tratta di una reazione scomposta, ma assolutamente fisiologica.

Le cause sono tecniche, macroeconomiche e geopolitiche. In estrema sintesi e semplicità:

  • Tecniche, nel senso che venendo da un rialzo prolungato, trovandosi sui massimi, ergo con multipli sopra la media storica, i mercati possono cogliere qualsiasi occasione per “regredire verso la media”.
  • Macroeconomicamente è l’inflazione e soprattutto l’azione delle banche centrali a ricevere attenzione da parte degli operatori finanziari; l’aspettativa converge su un’inflazione alta ancora per un anno, ma che si riassorbirà gradualmente senza la necessità di rialzi aggressivi da parte di FED, BOE, BOJ e tanto meno BCE.
  • L’invasione dell’Ucraina da parte della Russia rappresenta l’unico rischio immediato, ma è contingente. Se cerchiamo un termine di paragone, una crisi simile, ma decisamente più grave in quanto tale e come contesto (piena Guerra Fredda) la rintracciamo nella Crisi dei Missili Cubani (fine del ’62): anche allora i mercati reagirono compostamente, l’inflazione era alta e l’economia mostrava una certa vitalità.


La domanda mondiale di beni e servizi resta alta, così come la massa monetaria disponibile (in termini di risparmi privati e di riserve bancarie). I colli di bottiglia nelle catene produttive si risolveranno nell’arco di 12 mesi e le banche centrali agiranno di concerto e con molta cautela. Il pensiero più diffuso (ma qua si tratta di ipotesi) è che la crisi Ucraina declinerà prima di quanto sia immaginabile al momento.

Venendo a ciò che più ci interessa, da un punto di vista strettamente operativo - seguendo soprattutto le indicazioni adattive derivanti dall’analisi quantitativa algoritmica - al momento è opportuno comprare azionario (più growth che value, ma comunque selezionando la qualità del sottostante) ribilanciando le posizioni (se necessario) o aggiungendo liquidità disponibile. L’obbligazionario aggregato non risulta affatto interessante.


 


Lorenzo Rindi - PQL




Disclaimer
Le opinioni espresse su questo sito sono esclusivamente quelle degli Autori e non sono in alcun modo riconducibili alle organizzazioni e istituzioni citate. Ai sensi della normativa vigente, le informazioni pubblicate non devono essere considerate una “sollecitazione al pubblico risparmio” né una promozione di alcuna forma di investimento né “raccomandazioni personalizzate”, trattandosi unicamente di informazioni standardizzate rivolte ad un pubblico indistinto al fine di offrire un mero supporto informativo e decisionale agli utenti mediante l'elaborazione di un flusso informativo di dati, notizie, ricerche e analisi. Proprio perché le raccomandazioni fornite non possono intendersi personalizzate rispetto alle caratteristiche del singolo utente, potrebbero non essere adeguate rispetto alle conoscenze ed esperienze, alla situazione finanziaria e agli obiettivi di investimento e orizzonte temporale del singolo utente, elementi che infatti non sono stati presi in considerazione e valutati.